Come è stata questa estate a Corfù nella stessa isola con il mio ex, padre di mia figlia?

Di sicuro quello che avevamo preventivato non è successo e, come sempre, abbiamo cambiato tutte le carte in tavola e rimescolato cercando di sistemare le cose come meglio potevamo.

Avevamo dei giorni decisi di comune accordo per dividerci il mese di agosto con nostra figlia ,e poi, per vai motivi le cose sono andate diversamente.

Il fatto di essere qui insieme sulla stessa isola e di avere tanti amici che sono venuti a vedere la tanto nominata Corfù ha fatto si che si passassero moltissime giornate insieme.

Forse stiamo esagerando

genitori separati in vacanza insieme

C’è stato un momento in cui ci siamo resi conto di aver esagerato e che, forse, per Chloe non fosse la cosa migliore.

Ne abbiamo parlato e cercando di modificare in corsa, ma la vita poi ci ha portato altro.

Così alla fine Chloe si è vissuta quasi un mese con entrambi.

Case separate, lo voglio sottolineare.

La mia settimana via è sfumata in lacrime e così non sono partita per rimanere qui con le mie persone care e farmi cullare dalle onde del mare e dagli sguardi attenti degli altri.

La macchina di Ema, anche quest’anno, ha avuto un problemino e quindi sono sfumate pure le sue settimane con la figlia e il suo ritorno in Italia è stato anticipato.

Insomma, come sempre non ci siamo fatti mancare gli imprevisti e ci siamo riadattati come meglio potevamo cercando di fare le cose al meglio per nostra figlia.

Il resto della vacanza come è andato?

Per il resto questa vacanza come genitori separati insieme è stata piena di emozioni intense, sia positive che negative e ce la siamo vissuta con gioia e dolore, alternando giornate magnifiche ad altre davvero di merda.

Il primo mese è volato, iniziando con un breve momento di misure da prendere, lavorando a volte da un bar e altre dalla casa con la sua meravigliosa finestra sul mare.

mamma separata in vacanza

Poi hanno iniziato ad arrivare persone, anzi in realtà i primi arrivi sono stati immediatamente, ma questo l’ho già raccontato in un post.

Poi l’arrivo del papà di Chloe e subito dopo Tiziano.

Ema con il suo meraviglioso modo di unire mondi diversi al tavolo del simposio e trarne stupende serate musicali, di scambi e nuove amicizie.

Sempre Ema con i suoi momenti no, che riescono a rovinare la migliore atmosfera esistente, perché è tanto luminoso quando buio, e quando cade arriva davvero in fondo mostrandoti quell’abisso senza alcuna maschera.

Chloe e Bryan che sono diventati i protagonisti di Laguna blu tornando alla vera natura dell’uomo (sempre nudi).

Francesca con la sua calma quasi irremovibile ma che se deve dire una bugia non ci riesce e piuttosto non ti guarda per una settimana. Come quando non mi ha rivolto lo sguardo per tenere nascosto l’arrivo, anzi il ritorno di Tizi a sorpresa.

E tutti gli altri, che se parlo di ognuno non finisco più ma almeno li nomino: Salvo e Cristina con il loro entusiasmo e la loro anima pura, Rudi con la sua innocenza e insistenza da bimbo, Federica e la sua voglia di godersi la parte godereccia dell’isola, Ruxandra che non pare di questo mondo in modo meravigliosamente unico, Dennis e Samantha stupenda scoperta e Federico e Andrea sofisticati e compagnoni allo stesso tempo. È passato di qui pure Beppe con Martina e sono stati indubbiamente giorni di osservazione interessanti.

Io? la mamma? Come ho vissuto questa estate?

mamma separata estate con figlia

E poi io: eh!

Io che ogni volta che metto piede qui sento di essere a casa, che sognavo di tornarci a vivere e ora non ne sono più convinta, che sono passata dalla gioia enorme per quello che ho vissuto qui, al dolore profondo, insofferenza, senso di solitudine nonostante fossi in mezzo a persone, stanchezza infinita e altrettanta meraviglia nel vedere mia figlia così felice mentre impara a nuotare andando dal suo papà alla sua mamma (proprio come i suoi primi passi a cui entrambi abbiamo assistito).

Le bestemmie che ho tirato non ci stanno su due mani per n motivi che non sto a spiegarvi, ma che, se provate ad immaginare un’estate fatta di 2 mesi interi con due bambini piccoli, potete facilmente capire.

Il ritorno di alcuni e la dipartita di altri.

Due date già importanti e pesanti a cui ho aggiunto altri ricordi da dimenticare.

Delusioni e scoperte di persone.

Passare dal pensare un giorno di essere felice e stare di merda l’altro.

disagi da mamma single

Il rientro a Milano

Sapere che sto tornando a Milano e non so esattamente che succederà perché mi sono permessa di permettermelo.

Sapere che sono partita con una meravigliosa relazione iniziata da poco e che torno senza.

Sapere che comunque andrà, io so che andrà bene.

Perché, se ho capito una cosa è proprio che le cose vanno esattamente come devono andare, ma l’importante è sapere esattamente cosa si vuole e cosa no, ed in base a questo fare le proprie scelte, altre volte invece capita di subirle, e si prova a farlo con stile (ma questa è un’altra storia che non so se mai racconterò).


Insomma tirando le somme questa è stata una estate immensa esattamente come il mare che circonda Corfù.

A presto.

Benedetta (mamma separata di Chloe)